Sei in » »
La paparina selvatica
Tempo totale:

Dal Salento. Molti di voi sicuramente non sanno cos'è la "paparina".
Con questo termine, tipicamente dialettale, nel Salento, si contraddistingue la pianta del papavero, ovvero la"papaverina".

In questa zona d'Italia, più che in altre probabilmente, c'è un largo consumo di erbe spontanee, tra cui appunto la paparina, una verdura dal gusto molto delicato ma decisamente particolare.

La ricetta che vi proponiamo oggi è una delle più antiche della cultura gastronomica contadina di queste terre.

Ingredienti (8 persone):
  • 3 o 4 kg di "paparina";
  • 1 spicchio di aglio;
  • 1 peperoncino fresco;
  • olio extra vergine di oliva e sale.
Procedimento:

  1. Pulire la verdura, mondarla con attenzione eliminando le foglie che risultano più vecchie o sciupate.
  2. Lavarla benissimo, più volte, in abbondante acqua fredda.
  3. Mettete sul fuoco una pentola capiente, riempirla d'acqua e portate a bollore, quindi salatela.
  4. Buttate la verdura nell'acqua bollente e lasciate cuocere per almeno 30 minuti.
  5. Scolatela e trasferitela in un altro tegame, dove aggiungerete dell'olio ed uno spicchio d'aglio.
  6. Coprite il tegame e lasciate stufare a fiamma bassissima per 35-40 minuti.
  7. Di tanto in tanto mescolate con un cucchiaio di legno cercando di schiacciare e sminuzzare le foglie.
  8. Ripetete questa operazione più volte finché le foglie di paparina si sfaldino.  
  9. A questo punto aggiungerete un peperoncino piccante e delle olive nere.
  10. Lsciate insaporire altri 5 minuti, poi servire con fette di pane di grano casereccio.

Curiosità: Raccogliere 3 o 4 kg di verdura richiedeva molto tempo ed altro ne veniva impiegato per mondarla, per questo la preparazione della paparina non poteva che essere semplice, in modo da permettere, alle donne che tornavano a casa dai campi, di cucinare e al tempo stesso di riassetare la casa durante la cottura.

​Se non riuscite a reperire la paparina potreste scegliere, come meta delle vostre vacanze, il Salento e degustare tante altre interessanti preparazioni gastronomiche che vi stupiranno. 



Autore:
0 commenti
Hai gradito la ricetta? Commentala! |
0,1210938