Sei in » »
Latte di mandorle
Tempo totale:

Dal Salento. Il caldo è oramai arrivato e si è sempre alla ricerca di bevande fresche, naturali e genuine.
Quella che vi presentiamo oggi è una valida alternativa al latte vaccino o ad altri prodotti simili che si trovano in commercio.
 
E’, inoltre, una bevanda, molto gustosa, da servire fredda, in sostituzione del  te o del caffè.
Apparentemente può sembrare costosa, visto il prezzo delle mandorle, ma, considerate che, con questa dose si ottengono più di tre litri di latte, quindi una quantità molto alta.
 
E poi, perché acquistare sciroppi o prodotti già confezionati per le vostre bevande estive se si può realizzare facilmente una versione casalinga delle stesse?
Vediamo insieme come fare.

Ingredienti (12 persone):
  • 1 kg di mandorle dolci fresche;
  • una manciata di mandorle amare;
  • 3 litri di acqua naturale.
Procedimento:

  1. Considerate, che se acquistate le mandorle con il guscio, queste peseranno molto di più, quindi, per ottenerne un kg pulito, dovrete comprarne circa il doppio.
  2. Aprite i gusci e prelevate le mandorle, quindi sbucciatele.
  3. Essendo fresche la buccia verrà via facilmente.
  4. Se invece utilizzate mandorle già pulite, quindi con la buccia marrone, seguite questo procedimento.
  5. In un pentola mettete dell’acqua sul fuoco.
  6. Portare ad ebollizione.
  7. A questo punto tuffarci, per pochi secondi, le mandorle.
  8. Mescolate e scolate.
  9. Lasciate intiepidire quindi sbucciatele.
  10. Una volta pulite tutte le mandorle, tritatele con un tritatutto.
  11. In alternativa potete usare un mortaio e pestarle (come si faceva un tempo).
  12. Riscaldate un litro di acqua fino a portarla ad ebollizione.
  13. Trasferite il trito di mandorle in un canovaccio pulito, sottile e a trama larga, legatelo ed immergetelo nell’acqua bollente.
  14. Lasciate in infusione un paio d’ore.
  15. A questo punto riscaldate un altro litro di acqua.
  16. Prelevate il canovaccio con il trito di mandorle, strizzatelo per bene ed immergetelo nuovamente nell’acqua calda pulita appena preparata.
  17. Ripetete quindi l’operazione: lasciate in ammollo per 2 ore, strizzate e immergete nuovamente nell’ultimo litro di acqua bollente (lasciate sempre in infusione e alla fine strizzate).
  18. Unite ora i tre litri di latte ottenuti e miscelate.
  19. Il latte di mandorla è pronto.

Questa preparazione è molto in voga nel Salento.
E’ una preparazione di base, diciamo così, che si presta a mille varianti.
Il suo sapore dipende molto dal tipo di mandorla utilizzata, più la mandorla è fresca, più il suo gusto sarà intenso.
 
C’è chi preferisce bere questo latte semplicemente freddo con l’aggiunta di poco zucchero.
I bambini, solitamente ci preparano dei ghiaccioli (basta mettere il latte opportunamente zuccherano in freezer per qualche ora).
 
Gli adulti, solitamente, lo aggiungono freddo al caffè per ottenere una versione estiva del tipico espresso, una bevanda molto diffusa anche in tutti i bar (vi basterà chiedere un caffè freddo con latte di mandorla).
 
E’ opportuno precisare che le mandorle fresche macchiano notevolmente la mani, per questo, quando le pulite vi consigliamo di utilizzare dei guanti.



Autore:
0 commenti
Hai gradito la ricetta? Commentala! |
0,078125