Sei in » »
Maccheroni fatti in casa al ragł
Tempo totale:

Dal Salento. Ben trovati, oggi la cucina di LecceNews24.it vi spiegherà passo passo come realizzare un piatto apparentemente semplice ma che richiede una certa manualità ed un po' di esercizio.

Realizzeremo insieme i maccheroni fatti in casa, un formato di pasta tipico pugliese, con un delizioso ragù.

I tempi di preparazione sono un po' lunghi ma vi assicuriamo che ne varrà assolutamente la pena.

Ingredienti per la pasta (4 persone):
  • 400 g di farina di grano duro (se non siete abili sfogline scegliete quella rimacinata sarą pił semplice da lavorare);
  • acqua.
Ingredienti per il ragł (4 persone):
  • 1 litro di salsa di pomodoro (meglio se fatta in casa);
  • olio extra vergine di oliva;
  • sale;
  • 400 g di macinato magro di manzo;
  • vino rosso;
  • carota;
  • sedano;
  • cipolla.
Procedimento:

Prepariamo i nostri maccheroni.

  1. Procuratevi innanzi tutto un ferro da pasta, nei mercati settimanali dei vari paesi, solitamente, si trova sempre una bancarella che vende setacci,mattarelli, ferri per la pasta e tanti altri attrezzi per la cucina.
  2. Setacciate la farina su un piano di lavoro, disponetela a fontana e versate al centro dell'acqua (aggiungetene poca alla volta per evitare che l'impasto risulti troppo morbido). Ricordate che più l'impasto sarà asciutto, più sarà semplice lavorarlo, quindi aggiungete solo l'acqua strettamente necessaria a rendere l'impasto liscio ed omogeneo.
  3. Prelevate una piccola porzione di impasto e con questo formate un rotolino da cui ritagliate dei tocchetti di pasta.
  4. Infarinate il piano di lavoro, posizionate il tocchetto di pasta al centro, appoggiarvi sopra una estremità del ferro di pasta premendo leggermente per farlo affondare parzialmente, posizionate il vostro palmo sulla pasta e, sorreggendo con l'altra mano l'altra estremità opposta del ferro, con un movimento rapido della mano fate rotolare il ferro verso di voi. Si formerà così un piccolo "bucatino" che sfilerete con molta delicatezza dal ferro.
  5. Proseguite in questo modo fino a terminare tutto l'impasto, avendo l'accortezza di adagiare i maccheroni appena preparati su un piano infarinato per evitare che si attacchino.

Prepariamo adesso il ragù.
  1. In una capace casseruola, fate scaldare dell'olio. Pulite la cipolla ed affettatela sottilmente, mondate, lavate e tagliate a tocchetti anche il sedano e la carota.
  2. Aggiungete questo battuto appena preparato all'olio caldo e lasciate stufare a fiamma bassissima per evitare che la cipolla bruci e diventi amara.
  3. Aggiungete a questo punto la carne ed aiutandovi con una forchetta, sgranate accuratamente il macinato.
  4. Sfumate con del vino rosso e lasciate evaporare la parte alcolica.
  5. Unite la salsa di pomodoro.
  6. Regolate di sale e proseguite la cottura a fiamma bassissima per almeno un paio d'ore avendo l'accortezza di mescolare di tanto in tanto.
  7. Se utilizzate della salsa fatta in casa non avrete problemi perchè solitamente questa risulta sufficientemente liquida per sostenere questo tipo di cottura. Se invece utilizzate quella commercializzata si renderà necessario aggiungere dell'acqua.è bene tenere presente che il ragù salentino non è come quello bolognese, al termine della cottura risulta piuttosto liquido e con molta salsa di pomodoro.
  8. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata secondo i vostri gusti e condite con il ragù e se lo gradite con abbondante formaggio grattugiato, meglio se pecorino locale.

Il piatto che vi abbiamo presentato oggi è uno dei piatti tipici della domenica.
Le nonne erano solite preparare la pasta nel pomeriggio del sabato e lasciare che la pasta si asciugasse un po', coperta da teli di cotone o lino.

Se lo gradite per l'impasto si può utilizzare un mix di farine miscelando in parti uguali farina di grano e farina di orzo per un impasto più rustico.
Precisiamo che quando il grano è di ottima qualità non avete nulla da temere, anche se si tratta di una pasta fresca terrà perfettamente la cottura.

La pasta fatta in casa era un piatto che si consumava tutti insieme la domenica; solo in tempi moderni si è arricchito unendo al sugo della carne macinata.

In origine, infatti, si trattava di un piatto povero, condito semplicemente con del sugo di pomodoro (cotto comunque sempre per un paio d'ore), forse è per questo che si dedicava tanta attenzione alla pasta: per rendere più "ricco" il piatto della domenica.



Autore:
0 commenti
Hai gradito la ricetta? Commentala! |
9,326172E-02