Sei in » »
minestra di pasta e lenticchie
Tempo totale:

Dalla Puglia. Quando arriva il freddo cosa c'è di più buono di una minestra calda? E la minestra di pasta e lenticchie è l'ideale per coccolarsi a pranzo con sapori unici che rimandano all'infanzia.

E' un primo piatto tipico soprattutto delle regioni meridionali d'Italia, è un piatto dall'alto valore nutritivo perchè, com'è noto, le lenticchie sono legumi ricchi di ferro, di proteine, carbioidrati, fibre e vitamine. 

A dare una marcia in più alle lenticchie e alla minestra sono i cubetti di pancetta rosolata che vanno aggiunti in cottura e che regalano al piatto quel sapore unico.

Ingredienti (4 persone):
  • 4 fette di pancetta tagliata a dadini;
  • 1 cipolla;
  • 1 spicchio d'aglio;
  • 2 gambi di sedano;
  • 100 gr di spaghetti spezzati;
  • 350 gr di lenticchie in scatola;
  • 1,25 litri di brodo vegetale.
Procedimento:

  1. In una padella antiaderente mettete dell'olio, la cipolla affettata sottilmente.
  2. Aggiungete i dadini di pancetta e fate rosolare.
  3. Unire l'aglio e il sedano tritati e fate cuocere per 4/5 minuti altri mescolando di continuo.
  4. Aggiungete la pasta e fate insaporire per ancora 1 minuto.
  5. Infine unite le lenticchie e il brodo e portate a bollore.
  6. A questo punto abbassate il fuoco e fate cuocere finchè la pasta non è al dente.
  7. Togliere la padella dal fuoco e servire caldissima.

Curiosità: Le lenticchie sono considerate la carne dei poveri perchè ricche di sostante nutritive che fanno bene all'organismo e poichè era un piatto della tradizione contadina, andava a sostituire la carne che invece era la grande assente delle tavole dei più poveri.

Varianti: Oltre al formato di pasta potete decidere di utilizzare delle lenticchie diverse sperimentandone il gusto delle varietà presenti in commercio come le "rosse" o "egiziane", le "verdi di Altamura", le "piccole e marroni di Colfiorito" o le "grandi" di Villalba.



Autore:
0 commenti
Hai gradito la ricetta? Commentala! |
0,078125