Sei in » »
Minestra di fave fresche cicorie e carciofi
Tempo totale:

Dal Salento. Arriva l’estate e si inizia ad aver voglia di verdure e piatti leggeri.....quindi cosa c’è di meglio di una minestra interamente composta da verdure fresche di stagione?

Cicorie, fave fresche e deliziosi carciofi ecco gli ingredienti di questo primo piatto che piacerà proprio a tutti, anche a chi non è a dieta!

Ci vuole un po’ di pazienza per mondare tutte le verdure ma per il resto si tratta di una ricetta molto semplice e leggera.
Preparatela seguendo le nostre indicazioni.

Ingredienti (4 persone):
  • 1,2 kg di fave con baccello;
  • 1 cicoria grande;
  • 3-4 carciofi;
  • olio extravergine di oliva;
  • sale;
  • menta.
Procedimento:

  1. Iniziamo con lo sgranare le fave, pulitele dal baccello e mettete i frutti a bagno con acqua fredda.
  2. Pulite ora la cicoria: eliminate le foglie esterne più dure o sciupate.
  3. Lavate accuratamente le foglie e le cimette interne (anche qui eliminate le parti più dure e legnose) e tagliate entrambi a tocchetti piccolini.
  4. Pulite ora i carciofi: eliminate le foglie dure ed eliminate la eventuale barbetta interna.
  5. Tagliate i carciofi in spicchi ed immergeteli in acqua fredda leggermente acidulata con del succo di limone.
  6. Appena tutte le verdure saranno pronte mettetele in una casseruola tutte insieme, copritele di acqua fredda e ponete sul fuoco.
  7. Aggiungete un generoso giro di olio extravergine di oliva.
  8. Regolate di sale ed unire qualche foglia di menta profumata.
  9. Fate cuocere per il tempo necessario affinché le verdure siano cotte ma non disfatte.
  10. Servire calda accompagnata da un filo di olio a crudo e formaggio pecorino grattugiato.

Ecco tutto il sapore di questa terra e dell’estate racchiuso in questo semplicissimo piatto.
Una minestra veramente molto semplice ma dal sapore complice, vario e armonico.

Le verdure di stagione sono le regine della gastronomia salentina, le cui ricette, nascono appunto, principalmente dalla cultura contadina, e questa ricetta ne è un esempio eccellente.
Il piatto si può preparare in anticipo e riscaldare all’ultimo momento.Questo aspetto, infatti, non è da sottovalutare, le massaie salentine lo preparavano in anticipo e lo trovavano pronto una volta rientrati dai campi dopo una dura giornata di lavoro.



Autore:
0 commenti
Hai gradito la ricetta? Commentala! |
0,0625