Sei in » »
Pasta al forno alla salentina
Tempo totale:

Dal Salento. Il piatto della festa (come in questo caso Pasqua o anche semplicemente una domenica) in Salento non poteva che essere ricco e saporito.

La classica pasta al forno salentina è molto calorica e si può tranquillamente considerare un piatto unico.
Questa pietanza può sembrare articolata ma in realtà è molto semplice ed il procedimento, pur essendo lungo, può essere snellito preparando qualche passaggio in anticipo.

Ad esempio, il giorno prima si possono lessare le uova, preparare la salsa di pomodoro e friggere le polpette.

In questo modo la mattina della festa avrete già parte del lavoro svolto ed andrete spediti nella preparazione.
Vediamo insieme gli ingredienti e la preparazione del piatto della domenica salentino.

Ingredienti per la pasta (8 persone):
  • 500 g di farina di semola di grano duro;
  • 5 uova;
  • sale.
Ingredienti per le polpette (8 persone):
  • 500 g di macinato magro di manzo;
  • 5 cucchiai di pan grattato;
  • 2 uova;
  • una manciata di pecorino grattugiato;
  • prezzemolo;
  • sale;
  • olio per friggere.
Ingredienti per il condimento (8 persone):
  • 1 l di passata di pomodoro;
  • olio extravergine di oliva;
  • cipolla;
  • qualche foglia di basilico;
  • 100 g di mortadella;
  • 250 g di mozzarella fior di latte. 2 uova;
  • abbondante pecorino grattugiato (Grana/parmigiano per chi non tollera il pecorino).
Procedimento:

Prepariamo la pasta:

  1. Setacciamo la farina sulla spianatoia.
  2. Ricavare un incavo al centro in cui aprirete le uova.
  3. Unite un po’ di sale.
  4. Iniziate ad impastare prima con una forchetta poi con le mani.
  5. Lavorate l’impasto fino a quando non risulterà sodo, liscio ed omogeneo (se dovesse essere necessario aggiungere pochissima acqua).
  6. Stendete l’impasto con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia molto sottile.
  7. Ritagliate dei rettangoli di grandezza omogenea.
  8. Mettete una capace casseruola sul fuoco e portate ad ebollizione abbondante acqua salata.
  9. Cuocere i rettangoli di pasta all’incirca per metà del loro tempo di cottura, quindi scolateli, passateli sotto l’acqua fredda per bloccare la cottura e lasciateli asciugare su un canovaccio pulito.

Prepariamo le polpette:
  1. Impastiamo tutti gli ingredienti.
  2. Appena il composto risulterà omogeneo formate delle piccole polpettine (della dimensione di una ciliegia).
  3. Friggetele in olio caldo.
  4. Asciugatele dall’unto in eccesso con carta da cucina.

Prepariamo la pasta al forno:
  1. Per prima cosa prepariamo la salsa di pomodoro.
  2. Fate riscaldare poco olio in un tegame in cui farete imbiondire della cipolla.
  3. Unite a questo punto la passata di pomodoro.
  4. Regolate di sale e lasciate cuocere per una decina di minuti.
  5. Unite a questo punto le polpette fritte, qualche foglia di basilico, se lo avete, e proseguite la cottura per un quarto d’ora.
  6. Nel frattempo lessate le uova, sbucciatele e tagliatele in pezzi non troppo grandi.
  7. Tagliate a cubetti la mortadella e la mozzarella.
  8. Prendete una teglia da forno.
  9. Ricoprite il fondo con un po’ di salsa di pomodoro (se la salsa dovesse risultare troppo densa allungate con dell’acqua).
  10. Adagiate un primo strato di pasta.
  11. Ricoprite con altra salsa di pomodoro e polpettine, pezzi di uovo sodo, cubetti di mortadella e di mozzarella e una spolverata di formaggio.
  12. Proseguite in questo modo fino ad esaurimento di tutti gli ingredienti.
  13. L’ultimo strato deve essere solo di pasta, ricoperta di salsa di pomodoro e formaggio grattugiato.
  14. Infornate a 200° per circa 40 minuti.
  15. Servite caldo.

Come avrete sicuramente notato si tratta di un piatto dagli ingredienti semplici e poveri pur essendo molto farcito.
Le uova, la mozzarella e il formaggio erano ingredienti che un tempo venivano preparati in casa, quindi presenti in abbondanza.

Così come la passata di pomodoro preparata in estate e conservata per tutto l’anno.
L’unico ingrediente più ricco effettivamente è la carne, ma anche in questo caso, è necessaria una quantità minima perché le polpette si arricchiscono anche di altri ingredienti.
Non essendoci altro liquido al di fuori della salsa di pomodoro (come ad esempio besciamella) vi consigliamo di fare in modo che sia abbastanza liquido da permettere la perfetta cottura della pasta. Inoltre, se non gradite il sapore intenso del pecorino potete sostituirlo totalmente o in parte con del parmigiano/grana.



Autore:
0 commenti
Hai gradito la ricetta? Commentala! |
0,078125