Sei in » »
Pittule con le patate zuccherine (foto offerta da buttalapasta.it)
Tempo totale:

Dal Salento. Le pittule sono un piatto tipico del Salento. Accompagnano le festività natalizie e le sagre estive, ma sono sempre presenti sulle tavole anche durante il resto dell’anno nella versione classica o con varianti negli ingredienti.
 
La ricetta che vi proponiamo oggi è arricchita da un ingrediente che le rende molto soffici: le Pittule con le patate zuccherine sono, infatti, delle morbidissime nuvole d’impasto che in cottura si gonfiano se ben lievitate e se al loro interno sono davvero molto soffici, all’esterno restano croccanti.
 
Nella provincia di Lecce la patata zuccherina è un ortaggio molto diffuso, soprattutto nel comune di Frigole dove viene celebrata con una sagra nel mese di settembre e in cui le pittule con le patate dolci sono i piatti più offerti e ricercati dagli stessi turisti in quanto fanno parte della tradizione della cucina salentina.

Ingredienti (8 persone):
  • 1 kg di farina 00;
  • 500 gr di patate zuccherine;
  • 1 cubetto di lievito di birra;
  • acqua tiepida;
  • sale;
  • olio di semi per friggere.
Procedimento:

  1. In una ciotola capiente versare la farina setacciata.
  2. Aggiungere il lievito sbriciolato e l’acqua poco alla volta incominciando ad impastare.
  3. Aggiungete il sale e altra acqua se necessario e impastate fino ad ottenere un composto molto morbido.
  4. Coprite la vostra ciotola con una pellicola e riponetela in un luogo asciutto e caldo dove l’impasto lieviterà per almeno tre ore.
  5. Intanto lavate e lessate in acqua bollente le patate.
  6. Privatele della buccia e passatele in uno schiacciapatate o in un passatutto per ottenere un composto morbido.
  7. A metà lievitazione aggiungete le patate all’impasto delle pittule e lasciate lievitare ancora.
  8. In una pentola dai bordi alti mettete l’olio di semi per la frittura.
  9. Quando l’impasto sarà lievitato e l’olio sarà ben caldo con un cucchiaio prelevate una pallina di composto e immergetelo nell’olio bollente.
  10. Procedete in questo modo fino ad esaurire tutto il vostro impasto.
  11. Le pittule si gonfieranno e una volta dorate sono pronte per essere scolate e poste su carta assorbente.
  12. Servite calde.

Consigli: Prelevate il composto della grandezza di una noce perchè in cottura l’impasto si gonfia e aumenta di dimensione. Potete rendere ancora più dolci le vostre pittule immergendole nello zucchero una volta fritte.

Varianti: Se volete sbizzarrirvi con le pittule e creare antipasti sfiziosi potete sostituire le patate zuccherine con altri ingredienti come le olive nere, i pomodori o i peperoncini. Saranno una vera prelibatezza e se invece le volete ancor più corpose potete aggiungere all’impasto anche delle verdure come le rape nfucate alla salentina o i cavolfiori lessi.



Autore:
0 commenti
Hai gradito la ricetta? Commentala! |
0,0625